Tag: Lewis Capaldi

LEO MECONI: Dopo aver emozionato i giudici alle audizioni di X Factor 2020, torna con un nuovo singolo, “ANGELS & OUTLAWS”, in uscita venerdì 30 ottobre.

Invitato a suonare sul palco di San Siro a soli 12 anni da Bruce Springsteen e ribattezzato, in seguito alla sua performance sorprendente, “Guitar Man” dallo stesso “Boss”, LEO MECONI è un cantautore e un chitarrista prodigio! Il giovane artista torna con un nuovo singolo “ANGELS & OUTLAWS”, in uscita venerdì 30 ottobre (Azzurra Music).

Leo, reduce dall’esperienza di X-Factor 2020 dalle audizioni fino alla fase finale dei “Last Call”, ha emozionato e stupito tutti i giudici e il pubblico a casa con le sue doti da interprete
L’artista, classe 2004, ha iniziato a maneggiare la chitarra dall’età di 7 anni ed ha iniziato a comporre le sue prime canzoni a 12 anni. Influenzato sin da piccolo dalla musica folk rock di Bob Dylan, di Johnny Cash, di Elvis Presley e soprattutto di Bruce Springsteen, negli ultimi anni Leo si è appassionato anche al pop di Ed SheeranShawn Mendes e Lewis Capaldi

Il giovane cantautore è stato notato anche da una leggenda della musica italiana, Dodi Battaglia, che ha curato la produzione artistica del suo primo disco di inediti “I’ll Fly Away”, pubblicato a novembre 2019 (Azzurra Music). L’album ha ottenuto molti consensi sia dal pubblico che dalla critica, che ha accostato Leo ad artisti del calibro di John Denver, Paul Simon Nike Drake.

Hanno preceduto la pubblicazione di “I’ll Fly Away” due raccolte digitali di cover dal nome “It’s just me… and my guitar, contenenti 46 cover dei suoi autori preferiti e 4 inediti scritti da Leo in giovanissima età, tra cui “Guitar Man”, brano che racconta proprio la serata del 5 luglio 2016 a San Siro. A luglio di quest’anno è stato pubblicato il singolo “Self-Respect”, interamente realizzato da remoto durante il lockdown.

BLU: “E sogno è rimasto” è il singolo d’esordio del giovane cantautore dal timbro androgino

E sogno è rimasto” è il primo inedito di Blu, giovane cantautore dall’inconfondibile timbro androgino. Il brano racconta il sentimento fra due ragazzi, stroncato sul nascere dai pregiudizi della madre di uno di loro. Il testo del pezzo descrive una vicenda realmente accaduta al cantautore, attraverso un susseguirsi di immagini e flash-back. Il brano è lo specchio di “Io sognavo noi”, disco d’esordio di prossima uscita che fotografa in musica i sentimenti di delusione e rammarico a seguito del rapporto troncato e mai vissuto con la persona di cui ci si era innamorati. Il racconto che trae ispirazione dal passato di Blu, vuole lanciare un messaggio di speranza e vicinanza nei confronti di chi ha vissuto o sta vivendo la stessa situazione.

Il concept-album contiene sei inediti (cinque in italiano e uno in lingua inglese). I testi sono di Blu (Mario Giarola), le musiche sono composte da Veronica Marchi (cantautrice veronese, insegnante storica di Blu e sua attuale vocal coach), in collaborazione con lo stesso autore.  Gli arrangiamenti sono di Davide De Blasio (CrazyBrains) e le voci sono registrate nello studio “Sotto il Mare” di Luca Tacconi (noto per aver registrato Elisa, Lewis Capaldi, Biagio Antonacci e molti altri).

La ballad autobiografica del giovane cantautore veronese affronta con delicatezza i temi dell’amore e dell’accettazione della diversità, anticipando il filo conduttore del concept-album di prossima uscita.

© 2022 Max Trip

Tema di Anders NorenSu ↑