Tag: Covid-19 (Pagina 1 di 11)

LUCIANO LIGABUE: a causa del perdurare dell’emergenza sanitaria e alla luce delle vigenti disposizioni ministeriali, il tour “EUROPE” viene rinviato al 2022

A CAUSA DEL PERDURARE DELL’EMERGENZA SANITARIA E ALLA LUCE DELLE VIGENTI DISPOSIZIONI MINISTERIALI, IL TOUR “EUROPE” VIENE RINVIATO AL 2022!

A causa del perdurare dell’emergenza sanitaria e alla luce delle vigenti disposizioni ministeriali, il tour “EUROPE” di LUCIANO LIGABUE viene rinviato al 2022.

Queste le nuove date:

20 maggio 2022 al Razzmatazz di Barcellona (recupero del 29 maggio 2021)

22 maggio 2022 allo Shepherd’s Bush Empire di Londra (recupero del 21 maggio 2021)

25 maggio 2022 al Cirque Royal di Bruxelles (recupero del 26 maggio 2021)

26 maggio 2022 al Bataclan di Parigi (recupero del 27 maggio 2021)

Vengono invece annullate le date di Monaco, Stoccarda e Amsterdam.

I biglietti già acquistati in prevendita rimangono validi per le nuove date corrispondenti.

Per info biglietti è possibile consultare www.friendsandpartners.it oppure rivolgersi alle società di biglietteria attraverso cui è stato effettuato l’acquisto. 

Per quanto riguarda l’evento “TRENT’ANNI IN UN (NUOVO) GIORNO”, attualmente previsto il 19 giugno 2021 alla RCF Arena di Reggio Emilia (Campovolo), verranno fornite tutte le informazioni entro il 15 aprile.

Dal 22 al 29 novembre 2020 torna ELECTROCLASSIC FESTIVAL, otto appuntamenti in diretta streaming sui canali ufficiali del festival con artisti e ricercatori di fama internazionale

Dal 22 al 29 novembre 2020 torna nella sua seconda edizione ELECTROCLASSIC FESTIVAL, rassegna musicale in cui l’elettronica incontra le sonorità degli strumenti tradizionali, ideato e diretto da FLORALEDA SACCHI (artista pluripremiata e vincitrice di un Latin Grammy) in collaborazione con Piero Chianura (fondatore di BIGBOX MAGAZINE).

Otto appuntamenti in diretta streaming sui canali ufficiali del festival in cui si terranno talk, esibizioni live, performance di artisti italiani e ricercatori di fama internazionale.

‹‹Non potendo rinunciare a ciò che è umanità, consapevolezza e arte, abbiamo deciso di creare comunque, e al meglio delle nostre possibilità, eventi che avessero in questo momento un valore particolare pur rientrando in quella che è la direzione artistica di Electroclassic Festival – racconta il direttore artistico Floraleda Sacchi – Riteniamo che l’energia magica che nasce tra esecutori e pubblico sia insostituibile. Purtroppo non potendo ospitare persone in sala, abbiamo optato per offrirvi delle serate in streaming e aggiungere una parte di intervista con i protagonisti che compensi, almeno in parte, quel magnetismo perso. Sempre per questa ragione non abbiamo cambiato gli spazi programmati per gli eventi: sono tutti luoghi speciali di Milano che cercheremo di farvi vivere anche a distanza››.

ELECTROCLASSIC FESTIVAL propone progetti di musica dal vivo alternati da momenti di discussione e condivisione mediati da Piero Chianura, caratterizzati da un’apertura alla contaminazione e alla multidisciplinarietà artistica. I protagonisti del Festival saranno artisti, ma anche ricercatori sul suono interpretato come fonte di benessere e conoscenza di sé, pratica fondamentale per essere musicisti consapevoli. A differenza delle edizioni passate, nel rispetto delle disposizioni governative in merito alla prevenzione della diffusione del COVID 19, le otto serate si svolgeranno gratuitamente in diretta streaming sui canali ufficiali del festivalin collegamento da luoghi e spazi simbolo della cultura e dello spettacolo di Milano.

Il festival, patrocinato dalla Regione Lombardia e dal Comune di Milano, è anche content partner della Milano Music Week 2020.

In programma anche Call for Electroclassic, un concorso aperto a musicisti che elaborano digitalmente suoni acustici e organizzata in collaborazione con il Corso di Sound Design IED – Istituto Europeo di Design (candidature entro il 12/11/20 sul sito electroclassic.com).

Di seguito il programma dell’ELECTROCLASSIC FESTIVAL:

DOMENICA 22 NOVEMBRE

Ore 21:30 Palazzina Appiani, Damiano Grandesso, Phase 1 – all’interno del programma della MILANO MUSIC WEEK 2020

Damiano Grandesso, giovane saxofonista quotato a livello internazionale, presenterà Phase 1,una performance di sax-elettronica che integra musica techno e ambient, realizzata con la collaborazione del noto sound designer e compositore Andrea Cera,

LUNEDI 23 NOVEMBRE

Ore 21:00 AVS Research Gubert Finsterle, Pink Noise

Serata dedicata alla correlazione suono-equilibrio psicofisico, ambito esplorato dal Dott. Gubert Finsterle, che parlerà di Pink Noise (rumore rosa), un materiale sonoro di base che, rielaborato secondo modalità brevettate, consente di effettuare una seduta di ascolto PAT© (seduta di – Psico-Acustica Transizionale), utilizzando precisi sistemi di neuro modulazione.

MARTEDI 24 NOVEMBRE

Ore 21:30 Ottavanota Auditorium, Call for Electroclassic 1 – i progetti selezionati

Evento in collaborazione con il Corso di Sound Design dell’Istituto Europeo di Design (IED), che permetterà a 2 musicisti selezionati dalla giuria Electroclassic-IED di esibirsi durante il Festival.

MERCOLEDI 25 NOVEMBRE

Ore 21:30 Fabbrica del Vapore, Giorgio Li Calzi, Monomatica

Giorgio Li Calzi, compositore, trombettista e produttore, presenterà Monomatica, una performance sonora in cui la tromba incontra la musica elettronica. Tramite sequenze ed elaborazione in tempo reale, Monomatica racchiude in sé influenze di jazz, rock, elettronica e musica improvvisata.

GIOVEDI 26 NOVEMBRE

Ore 21:30 Casa delle Donne, Albert Rabenstein/Paula Ferri Carazo, Sonos Harmonicae

Appuntamento con Albert Rabenstein, noto in tutto il mondo per il suo lavoro di armonizzazione con le campane tibetane armoniche, e Paula Ferri Carazo, sound designer selezionata dal Corso di Sound Design dell’Istituto Europeo di Design (IED). Nel live set la sound designer elaborerà elettronicamente un’armonizzazione di campane tibetane armoniche suonata da Rabenstein. 

VENERDÌ 27 NOVEMBRE

Ore 21:30 Spazio Tadini, Call for Electroclassic 2 – i progetti selezionati

Evento in collaborazione con il Corso di Sound Design dell’Istituto Europeo di Design (IED), che permetterà a 2 musicisti selezionati dalla giuria Electroclassic-IED di esibirsi durante il Festival.

SABATO 28 NOVEMBRE

Ore 21:30 Canottieri S. Cristoforo, Valeria Sturba, Voices

La polistrumentista, cantante e compositrice Valeria Sturba si esibirà unendo il violino e il theremin alla voce e a effetti sonori di ogni tipo che danno vita a performance ricche di suggestioni musicali sia acustiche che elettroniche.

DOMENICA 29 NOVEMBRE

Ore 17:17 Mare Culturale Urbano, Christof Bernhard (gong, flauti, arpe angeliche, Shruti box, conchiglie, soundscapes), Gong Planet

Christof Bernhard, tra i gong master più noti a livello internazionale, presenterà una performance accompagnato da ambientazioni sonore elettroniche, coniugando così uno tra gli strumenti più antichi e magici del pianeta in una chiave inedita.

Per ulteriori informazioni sul Festival: https://electroclassicfestival.com/

Electroclassic Festival è un progetto nato nel 2019 da un’idea di Amadeus Arte, già organizzatore dal 2006 del prestigioso LakeComo International Music Festival e attivo nella promozione di artisti e compositori, e organizzato in collaborazione con BigBox, editore dell’omonima freepress specializzata, della testata MusicEdu e co-organizzatore del FIM, Salone della Formazione e dell’Innovazione Musicale di Milano. L’edizione di quest’anno ha previsto lo scorso 6 agosto 2020 l’anteprima Electroclassic Summer Night, evento di presentazione inserito nel programma dell’Estate Sforzesca di Milano. L’idea fondante del festival Electroclassic, di cui è direttrice artistica Floraleda Sacchi, è proporre al pubblico una selezione di progetti di musica dal vivo, la cui caratteristica comune è quella di sfruttare le moderne tecnologie digitali per arricchire le personalità timbriche degli strumenti tradizionali in chiave espansiva e non limitativa.

FRANCESCO DE GREGORI: a seguito delle decisioni governative sulla sospensione delle attività di teatri, cinema e luoghi di spettacolo CANCELLATI i concerti di “OFF THE RECORD” previsti a dicembre al Teatro Dal Verme di Milano!

A seguito delle recenti decisioni governative in merito alla sospensione delle attività di teatri, cinema e luoghi di spettacolo, i concerti di FRANCESCO DE GREGORI previsti nel mese di dicembre 2020 al Teatro Dal Verme di Milano sono CANCELLATI.

I biglietti acquistati per i concerti di “OFF THE RECORD” (previsti il 4, 5 e 6 dicembre 2020) verranno rimborsati (compresi i diritti di prevendita). Il rimborso può essere richiesto presso i punti vendita dove gli stessi sono stati acquistati entro e non oltre il 10 dicembre 2020. Per i biglietti acquistati online sul sito TicketOne o tramite call center con modalità “spedizione tramite corriere espresso” o “stampa@casa”, il cliente dovrà compilare entro e non oltre il 10 dicembre 2020 l’apposito modulo presente sul sito di Ticket One al link https://ticketone.formlets.com/rimborsionline/.

Una scelta triste e obbligata dalle recenti decisioni governative, nonostante i concerti in oggetto siano stati pensati come concerti “Covid” nel rispetto di tutte le misure precauzionali previste (sanificazione, distanza di sicurezza, controllo della temperatura, utilizzo della mascherina, tracciamento, etc.) e, soprattutto, nonostante in questi ultimi mesi i luoghi di spettacolo si siano rivelati tra i più sicuri spazi di aggregazione sociale.

Secondo uno studio dell’Associazione Generale Italiana dello Spettacolo, infatti, su 347.262 spettatori in 2.782 spettacoli monitorati tra lirica, prosa, danza e concerti, con una media di 130 presenze per ciascuno evento, nel periodo compreso dal 15 giugno (giorno di riapertura lockdown) a inizio ottobre, è stato registrato solo 1 caso di contagio da COVID-19 sulla base delle segnalazioni pervenute dalle ASL territoriali.

Grande successo di pubblico per il MEI 2020 a Faenza e oltre 450mila visualizzazioni streaming sui canali social ufficiali della rassegna!

Si è conclusa con grande successo la 25esima edizione del MEI – Meeting Etichette Indipendenti, la più importante manifestazione dedicata alla scena musicale indipendente italiana, che ha animato le giornate di venerdì 2, sabato 3 e domenica 4 ottobre, trasformando Faenza (RA) in una vera e propria città della musica con concerti, convegni, mostre e presentazioni letterarie.

Gli eventi, che si sono svolti nel rispetto delle norme di sicurezza Anti–Covid, hanno registrato il tutto esaurito nelle piazze e oltre 450mila visualizzazioni streaming sui canali social ufficiali della rassegna, di OaPlus, OaSport e Sport2u.

«È stato un grande successo sopra ogni più rosea previsione – afferma Giordano Sangiorgi, patron del MEI – Abbiamo così dato un forte segnale di speranza di ripresa e ripartenza a tutto il settore della musica italiana indipendente ed emergente, ricevendo tanti attestati di stima, amicizia e solidarietà. Il MEI si conferma motore centrale e propulsivo della nuova musica italiana. È stato bello anche ricevere i complimenti dalle Forze dell’Ordine per avere organizzato tutto nella più piena sicurezza. Attorniati da Polizia, Carabinieri, Croce Rossa e tante altre organizzazioni sanitarie e per la sicurezza, siamo riusciti a realizzare un incontro culturale e musicale nella più totale serenità, seguendo tutte le norme per la prevenzione della salute. Alberghi pieni, centro storico tornato in grande vitalità e una città che diventa il Centro del rilancio della musica in Italia. Ora il MEI, visto il suo ruolo centrale, deve avviare da subito il percorso di Faenza Capitale della Musica con gli Enti del Territorio per una politica unitaria della musica e avviare sin dal mese di ottobre una programmazione per i giovani emergenti. Attivare con la Regione Emilia-Romagna e con l’ATER un percorso di valorizzazione dei festival musicali giovanili della Regione Emilia-Romagna attraverso un grande circuito, lavorando anche con gli altri coordinamenti. Infine, serve un doveroso e dovuto riconoscimento dal Mibact, dal rinnovamento del FUS e dalla Rai, che dovrebbe finalmente aprire i suoi spazi a questa musica e fare una convenzione con il MEI. Siamo in attesa di una chiamata per il prossimo Festival di Sanremo e il prossimo Primo Maggio per poter dare il nostro contributo».

Tanti gli artisti che son stati premiati e si sono esibiti al MEI: PIERO PELÙ (PREMIO PER I 40 ANNI DI CARRIERA per aver portato il rock alternative italiano ai vertici delle classifiche), TOSCA (PREMIO NILLA PIZZI DEI GIORNALISTI ROMAGNOLIcome miglior artista in gara al 70^ Festival di Sanremo), COLAPESCEDIMARTINO (PREMIO PIMI – Migliori Artisti Indipendenti dell’anno e PREMIO PIVI – Miglior Videoclip Indipendente), GALEFFI (PREMIO GIOVANI MEI – EXITWELL per il miglior disco dell’anno 2020), ERNIA (PREMIO GIOVANI MEI – EXITWELL per il miglior progetto dell’anno 2020) che ha lanciato con il MEI il giovane LEON FAUNOMAR PEDRINI (TARGA PER I 25 ANNI DI “2020 SPEEDBALL”), GIANNI MAROCCOLO (PREMIO PER I 40 ANNI DI CARRIERA per la ricerca, lo spirito innovativo e la voglia di sperimentare con il rock) che si è esibito con EDDA,  GHIGO RENZULLI (PREMIO PER I 40 ANNI DI CARRIERA),  SANTAMARYA (vincitori del MEI SUPERSTAGE), PORFIRIO RUBIROSA (vincitore del contest LA MUSICA È LAVORO).

Durante i tre giorni si sono svolte anche le finali del Premio Dei Premi, vinto da LUCA GUIDI e del contest Arrangiami! 100 anni per il futuro”, vinto da ANTONINO VITALI con “Canzone Arrabbiata” di Nino Rota e Lina Wertmuller. Premiati inoltre LA COMPAGNIA DEGLI SCAPESTRATI e RED WINEvincitori di Materiale Resistente 2.0, contest realizzato con il sostegno della Legge sulla Memoria della Regione Emilia Romagna.

Consegnate anche le Targhe Mei Musicletterpremio nazionale destinato al giornalismo musicale sul web, ideato e organizzato da Luca D’Ambrosio. Hanno ritirato Jacopo Tomatis per Il giornale della musica (“Miglior sito web”), Monica Mazzoli per Going Underground (“Miglior Blog personale”) e Davide Iurlano e Simone Fringuelli per Goodfellas (“Miglior Distributore Discografico”).

Il MEI, attraverso il coordinamento StaGe!,
 che raduna trenta associazioni rappresentative della filiera delle piccole imprese della musica e dello spettacolo, aderisce a Bauli in Piazza, l’evento del 10 ottobre a Milano organizzato dai lavoratori dello spettacolo per denunciare la crisi che sta attraversando l’industria della cultura in Italia, a seguito dello stop forzato dovuto all’epidemia da Coronavirus. Aderisce inoltre alle lettere della Fed.It. Art. e dell’Agis inviata al Governo, dove si segnala che “da alcune indiscrezioni giornalistiche si è appreso che il prossimo DPCM potrebbe contenere una nuova limitazione nelle capienze per teatri e cinema, a seguito della quale potranno accedere al massimo 200 spettatori. La limitazione degli spettatori con un principio così rigido, senza tener conto della reale capienza delle sale e della possibilità di una maggiore presenza nel pieno rispetto del distanziamento previsto – prosegue la nota – rischia di mettere ulteriormente in ginocchio un settore già gravemente colpito”. Un settore che senza sostegni immediati e senza reali opportunità di apertura degli spazi, rischia di chiudere.

Il coordinamento StaGe! ha ricevuto il sostegno di Renzo Arbore, Alberto Salerno, Rossana Luttazzi, Carlo Marrale e tantissimi altri artisti e si è ufficialmente costituito in occasione del Meeting delle Etichette Indipendenti di sabato 3 ottobre, con il saluto dell’Onorevole Roberto Rampi della Commissione Cultura del Senato e dell’Assessore alla Cultura del Comune di Bologna Matteo Lepore, coordinatore delle Grandi Città sui temi della Musica.

Durante i suoi 25 anni di attività il MEI, con le sue edizioni ufficiali insieme alle tante edizioni speciali (a Bari, Roma e in altre città), ha registrato un totale di 1 milione di presenze, la partecipazione di 10mila artisti e band dal vivo, 5mila realtà musicali coinvolte in expo e convegni e 1000 giornalisti (più di 100 dal resto d’Europa) che hanno parlato del MEI contribuendo a renderla la più importante vetrina della nuova e nuovissima musica italiana. Anche quest’anno il MEI trasformerà Faenza per tre giorni in una vera e propria città della musica con concerti, presentazioni musicali e letterarie, convegni e mostre, affiancati da una parte espositiva rivolta agli operatori della filiera musicale con l’obiettivo di sostenere la crescita e la diffusione di una cultura musicale indie ed emergente. Verranno premiate le migliori realtà indie italiane grazie al circuito di AudioCoop, che rappresenta circa 200 piccole etichette discografiche indipendenti italiane, e saranno presenti, unico caso in Italia, i vincitori di oltre 100 festival e contest per emergenti provenienti da tutta la penisola e selezionati dalla Rete dei Festival, insieme ai loro artisti legati al circuito di AIA – Artisti Italiani Associati, presieduto da Renato Marengo, storico partner del MEI con Classic Rock on Air. Fin dalla prima storica edizione il MEI è stato la piattaforma di lancio della nuova scena indipendente italiana con artisti che sono diventati pilastri della musica in Italia (tra gli altri, DiodatoAfterhours, Bluvertigo, Marlene Kuntz, CSI, Baustelle, Caparezza, Negramaro, Brunori Sas, Perturbazione, Marta sui Tubi, Offlaga Disco Pax, e tantissimi altri ) e ha premiato emergenti oggi protagonisti della nuova scena musicale nazionale(Levante, Ermal Meta, Fulminacci, Lo Stato Sociale, Ghali, I Cani, Canova, Calcutta, Zibba, Mirkoeilcane, Le Luci della Centrale Elettrica, Motta, Colapesce, Cosmo, Ketama126 e tanti altri). Tanti anche gli artisti che hanno mosso i loro primi passi proprio al MEI, come Daniele Silvestri, i Maneskin e gliExtraliscio, oggi approdati al Festival del Cinema di Venezia “con il film “Extraliscio – Punk da Balera”, per la regia di Elisabetta Sgarbi.

Il MEI 2020 si è svolto grazie a: Regione Emilia – Romagna con la Legge sulla Musica, Comune di Faenza, Camera di Commercio di Ravenna, Unione della Romagna Faentina, La Bcc di Faenza, Imola e Forlì, e con il patrocinio del Nuovo Imaie e di Medici Senza Frontiere.
                                                                                                                         
Media partner: Rai Radio 1, Rai Radio Live, Agenzia Dire, OAPlus, Radio Bruno, Classic Rock, Classic Rock on Air, ExitWell, In TV Italia, Radio Rete Centrale, Unica Radio, Voxteca, Radio Fly Web, Radio L’Aquila 1 fm 93.5, Radio Budrio, Sound Contest, Studio Uno Abruzzo, Radio Prima Rete, Radio Città Benevento, The Front Row, Rock Nation, Radio Container. Con il supporto del coordinamento di Stage!, gli Stati Generali della Musica Indipendente ed Emergente con oltre 50 associazioni coinvolte, verso il Cantiere per la Cultura Indipendente.

LYNYRD SKYNYRD cancellato il concerto al LUCCA SUMMER FESTIVAL

Il concerto previsto per l’edizione 2020 non sarà recuperato,gli spettatori potranno richiedere rimborso a partire da oggi.

Lucca Summer Festival è spiacente di comunicare l’impossibilità di riprogrammare al 2021 il concerto dei Lynyrd Skynyrd previsto all’interno dell’edizione di quest’anno poi cancellata a seguito dell’emergenza epidemiologica Covid-19.

Gli spettatori in possesso dei biglietti per lo show del 4 Luglio 2020 potranno chiederne il rimborso monetario già a partire da oggi.

Le richieste di rimborso devono essere trasmesse nei termini previsti dalla legge, quindi entro e non oltre il 21ottobre 2020 e seguendo le procedure accessibili alla pagina www.ticketone.it/covid19

Le procedure indicate si applicano sia ai biglietti acquistati on line che a quelli acquistati presso le biglietterie LSF presenti a Lucca e nei punti vendita Ticketone

Lucca Summer Festival è tutt’ora al lavoro insieme ai rispettivi management nel tentativo di riprogrammare i concerti di Yusuf Cat Stevens, Patti Smith, Anderson Paak e Liam Payne che ad oggi risultano ancora sospesi. Maggiori informazioni su questi concerti verranno comunicate nei prossimi giorni.

« Articoli meno recenti

© 2021 Max Trip

Tema di Anders NorenSu ↑