Tag: Sanremo (Pagina 1 di 5)

ANA MENA: in gara al 72° Festival di Sanremo con il brano “DUECENTOMILA ORE”

Dopo essersi fatta conoscere e amare dal pubblico italiano collaborando con artisti come Rocco Hunt, Fred De Palma e Federico Rossi, ANA MENA conquista il palco più ambito d’Italia e sarà tra i cantanti in gara alla 72esima edizione del FESTIVAL DI SANREMO con il brano “DUECENTOMILA ORE” (Epic / Sony Music), scritto a sei mani da Rocco Hunt, Zef e Federica Abbate e prodotto da Zef.

Nella serata di venerdì dedicata alle cover, Ana Mena duetterà con Rocco Hunt in un medley che celebra la grande musica italiana.

Ana Mena si sta affermando come una delle artiste più amate nella nuova scena pop e urban con un’importante allure internazionale grazie ai successi che sta ottenendo in America Latina, Francia e Italia, oltre che in Spagna. Ed è proprio nel suo paese d’origine che si è affermata non solo come cantante ma anche come attrice, prima recitando in programmi di successo sul piccolo schermo e poi conquistando anche il cinema dove ha debuttato con una parte nel film “La pelle che abito” di Pedro Almodóvar, insieme ad Antonio Banderas. 

Lo scorso novembre Ana Mena ha fatto il suo ingresso sul mercato italiano in veste solista con il brano “MÚSICA LIGÉRA”, un’inedita versione in spagnolo del grande successo “Musica Leggerissima”, presentato proprio all’ultimo Festival di Sanremo da Colapesce Dimartino e diventato uno dei brani più ascoltati del 2021. In Spagna il brano ha raggiunto il primo posto su iTunes, il primo posto su Shazam per 40 giorni consecutivi, è stabile da diverse settimane in vetta alle classifiche airplay e sta scalando le classifiche di tutte le principali piattaforme digitali.

Il video del brano, che ha già superato 4 milioni e mezzo di views, è diretto da Willy Rodriguez e prodotto da The Panda Bear Show

Ad appena 24 anni, la popstar spagnola vanta numeri da record con 36 dischi di PLATINO2 dischi d’ORO, oltre 5 milioni e mezzo di ascoltatori mensili su Spotify e oltre 1 miliardo e mezzo di views totali su YouTube.

FOLCAST entra nella classifica VIRAL 50 GLOBAL di Spotify con “Scopriti”, brano finalista del Festival di Sanremo 2021 nella categoria “Nuove Proposte”

FOLCAST, finalista del Festival di Sanremo 2021 nella categoria “Nuove Proposte“, entra nella classifica VIRAL 50 GLOBAL di Spotify alla 12^ posizione con il brano “Scopriti (Laboratori Testone/Artist First), dopo aver esordito negli scorsi giorni nelle classifiche Top 50 Italia (alla 30^ posizione) e Viral 50 Italia (alla 3^ posizione). Il brano conta ad oggi oltre 800.000 stream sulle piattaforme digitali.

Scopriti” (https://folcast.lnk.to/Scopriti) è prodotta da Tommaso Colliva e scritta dallo stesso Folcast, che ha composto il brano con Tommaso Colliva e Raffaele Scogna. L’arrangiamento degli archi è a cura di Rodrigo D’Erasmo.

Folcast racconta del brano: «Scopriti è il racconto di una condizione comune e a volte disarmante. Il disagio di chi si è perso nell’immobilità delle stanze vuote interiori e si trova a fare i conti con una solitudine imposta e in parte voluta. Nonostante questo, la volontà è quella di rialzarsi, di uscire e di trovare dentro se stessi la motivazione, con rabbia e consapevolezza. Scopriti è un brano che sfida la stasi e che sprona a sentire tutto nel profondo per poi rinascere, sempre. Concepito al pianoforte, vuole essere prima di tutto crudo, quindi “Scoperto”. Vicino a un ambiente soul che dà spazio a tutti i movimenti dell’anima, si evolve fino a trasformarsi, proponendo un messaggio di forza e rigenerazione».

Il brano è accompagnato anche da un videoclip, girato da Giacomo Citro, presso l’ex città del rugby di Spinaceto, a Roma, ormai diventata una piccola città fantasma dedicata allo sport, che avrebbe visto la costruzione di due campi da rugby, piscine e altre attività. Il videoclip ha vinto del brano ha vinto il Premio Siae Roma Videoclip Sezione Nuove Proposte Festival di Sanremo di 2021.

L’artista, inoltre, dall’11 novembre 2021 sarà in tour nei principali club italiani.
Queste le date:
11 novembre, Circolo Arci Magnolia – MILANO
12 novembre, Spazio 211 – TORINO
19 novembre, New Age – RONCADE (TV)
20 novembre, Locomotiv Club – BOLOGNA
26 novembre, Smav – SANTA MARIA A VICO (CE)
27 novembre, Largo Venue – ROMA

«Da sempre la dimensione del Live è quella che preferisco ed è quella per me più importante – racconta Folcast – Programmare e annunciare dei concerti in un periodo del genere può essere un salto nel vuoto, un rischio, una responsabilità. Ma può anche essere il segnale che tornare a fare musica dal vivo forse è possibile. Mi auguro che gli spazi rimasti chiusi fino ad oggi riescano a riprendere un’attività regolare al più presto. Il sostegno va a loro, ai tecnici, ai musicisti. Entrare a far parte della squadra di OTR, casa di diversi degli artisti italiani che da sempre stimo di più, nonché famiglia composta da persone che fanno il proprio lavoro con rispetto e passione, è per me motivo di felicità oltre che un grande onore».

Le prevendite sono disponibili su www.ticketone.it e su tutti i circuiti ufficiali. Il tour è prodotto e organizzato da OTR.

Folcast (nome d’arte di Daniele Folcarelli) è un cantautore romano classe ’92. Cresce in una famiglia di musicisti divorando qualsiasi tipo di musica. Inizia a suonare da autodidatta pianoforte, basso e batteria, per scegliere poi come compagna di vita la chitarra, che studia fino al conseguimento della laurea al conservatorio Licinio Refice di Frosinone. Fonda il suo progetto artistico nel 2015 sulle basi dell’energia e del groove, creando una miscela tra vari generi: funk, R&B, soul, blues, pop e rock, con accenni al rap. Lo stesso anno pubblica l’EP d’esordio omonimo, seguito nel 2017 dal primo album “Quess” e nei due anni successivi dai singoli “Narcolessia” e “Cafu”. A inizio 2020 inizia il lavoro sul suo secondo album, prodotto da Tommaso Colliva. In estate è l’opening act del live di Daniele Silvestri al Festival Suoni di Marca. A dicembre dello stesso anno è uno dei 6 vincitori di Sanremo Giovani e ottiene l’accesso alla 71^ edizione del Festival di Sanremo nella categoria Nuove Proposte. “Scopriti”, il brano che Folcast ha portato sul palco dell’Ariston, è scritto e composto da lui stesso. Alla composizione hanno collaborato Tommaso Colliva (già vincitore di un Grammy per il suo lavoro con i Muse e produttore di numerosi artisti, tra cui Diodato e Ghemon), che ha curato anche la produzione artistica, e Raffaele Scogna. L’arrangiamento degli archi è a cura di Rodrigo D’Erasmo.

PAOLO VALLESI ospite domani sera a Sanremo 2021 FESTEGGIA TRENT’ANNI DI CARRIERA CON IL NUOVO SINGOLO “GIOVANE PER SEMPRE”

Da oggi, venerdì 5 marzo, in radio e in tutti i digital store, “GIOVANE PER SEMPRE” (Clodio Music distr. Believe), il nuovo singolo di PAOLO VALLESI, che anticipa un grande progetto discografico per festeggiare il trentennale della sua carriera, che uscirà il prossimo autunno.

Domani, Paolo Vallesi, sarà ospite alla serata finale del 71° Festival di Sanremo.

GIOVANE PER SEMPRE” scritto dallo stesso cantautore fiorentino, nasce grazie all’idea di Enrico Rialti, che nella vita è un tutor di apprendimento, il quale decide, dopo aver ascoltato un brano di Paolo, di inviargli una mail.

Di questo singolo, che ho scelto come anticipazione dei miei album che usciranno nel 2021, mi ha affascinato il titolo – racconta PaoloQuando ti guardi indietro e ripercorri mentalmente 30 anni di carriera ti rendo conto che hai fatto tante cose, alcune belle alcune brutte, alcune note altre anonime. Giovane per sempre non è una speranza, è una certezza perché mi accorgo che la mia passione ed il mio entusiasmo in questo nuovo lavoro è pari a quella del mio primo disco, nel ‘91, è cambiato il mondo attorno a me, ma sono  rimasto sempre lo stesso”

Paolo nasce a Firenze il 18 maggio 1964 ed inizia a studiare pianoforte all’età di 9 anni. Sedicenne, comincia l’attività di musicista e arrangiatore nelle sale di registrazione tra Firenze e Modena. Nel 1989 partecipa alla trasmissione televisiva “Gran Premio” con Pippo Baudo. Nel 1991 partecipa e vince il Festival di Sanremo nella categoria “Nuove proposte” con il brano “Le persone inutili”. Pubblica il suo primo album con la Sugar di Caterina Caselli dal titolo “Paolo Vallesi” e l’album, con quasi 200.000 copie vendute gli conferisce il suo primo Disco d’Oro. Nel 1992 torna a Sanremo, nella sezione Big, con “La forza della vita” aggiudicandosi il terzo posto. L’album omonimo con oltre 500.000 copie vendute, rimane per molte settimane primo nelle classifiche di album e singoli ed ottiene il Disco di Platino, risultando il secondo album più venduto dell’anno. Il disco viene pubblicato anche in Germania, Francia, Olanda e Scandinavia e, nella versione interamente cantata in spagnolo, in Spagna e nei paesi dell’America latina. Il brano “Sempre”, contenuto nell’album, vince il premio dell’air-play radiofonico al Festivalbar. Nel 1993 comincia la sua collaborazione con l’Associazione Nazionale Italiana Cantanti, con la quale ha disputato fino ad oggi oltre 210 partite. Nel 1994 arriva il terzo album dal titolo “Non mi tradire” che, oltre a garantirgli il suo secondo Disco di Platino ed il terzo Disco d’Oro, lo vede collaborare con i suoi amici e colleghi Eros Ramazzotti, Biagio Antonacci e Irene Grandi. Con quest’ultima comincia un lungo tour. Il disco esce anche nella versione spagnola “No me traiciones”. Nel 1996 Paolo Vallesi torna a Sanremo ed incide il suo quarto album dal titolo “Non essere mai grande” per la Warner Music, e la versione spagnola di “Grande” arriva al primo posto in Spagna anche grazie al duetto omonimo con il cantante madrileno Alejandro Sanz. Nel 1999 pubblica il suo quinto album, anche in veste di produttore, dal titolo “Sabato 17 e 45”. Nello stesso anno la versione olandese della sua canzone “Sempre” ( “Vriin Zijn” ) cantata da Marco Borsato raggiunge le 600.000 copie vendute. Nel 2003 esce la sua raccolta di successi “Best of Paolo Vallesi”, pubblicata in tutta Europa. Nel 2009 produce il primo album della Nazionale Cantanti con le canzoni che hanno fatto la storia della squadra, tra cui anche “La Forza Della Vita”. Nell’Aprile 2012 pubblica il singolo “È Bastato Un Momento” con un video insieme all’amico e compagno di squadra Neri Marcoré. Nel 2013 compone la sua prima colonna sonora per il film “Un angelo all’inferno” con Giancarlo Giannini. Dopo anni di live, Paolo torna a scrivere insieme al suo team e ritrova così la voglia di tornare al grande pubblico anche un nuovo album “Episodio 1”, un EP con 7 brani inediti, pubblicato a dicembre 2015 e anticipato dal singolo “Il bello che c’è”. Il 10 giugno 2016, pubblica il singolo “ESTATE 2016”, prodotto da Pio Stefanini con un video firmato dal regista Marco Salom. Nel Febbraio 2017 partecipa in qualità di ospite alla serata finale del Festival di Sanremo con il brano “Pace” interpretato con la cantautrice Amara e da lei composto. Nel Marzo 2017 esce l’atteso album “Un Filo Senza Fine” per Isola degli Artisti distribuzione Believe che contiene 6 brani inediti, la sopracitata Pace, le sue tre canzoni più conosciute (La forza della vita, Le persone inutili e Grande) riarrangiate per orchestra sinfonica e la cover del brano di Ivano Fossati “Una notte in Italia”. Da Maggio 2017 comincia un lungo tour in Europa insieme alla sua band. A Gennaio 2019 partecipa alla trasmissione televisiva “Ora o mai più” in onda su Rai1 dove interpreta i suoi brani, duetta assieme alla sua coach Ornella Vanoni e con altri grandi artisti della musica italiana. Il 3 Marzo esce il suo nuovo singolo “Ritrovarsi Ancora”. Il 23 Maggio è partito da Firenze, la sua città, il nuovo tour. 

Il 13 maggio 2019 al Salone Internazionale del Libro di Torino presenta la sua autobiografia, La forza della (mia) vita, pubblicata da Bertoni Editore. Il 27 settembre 2019 pubblica il singolo “Coma brina d’agosto”.  Ad Aprile 2020 La Fuerza de la Vida, versione in spagnolo del celebre brano del cantautore fiorentino diventa in Spagna il manifesto per il coraggio e la speranza della lotta al Covid19, cantata a distanza con più di venticinque fra i maggiori artisti, musicisti spagnoli e latini. Il 22 Dicembre 2020 Paolo Vallesi si è esibito in Piazza della Vittoria, a Lodi, per omaggiare gli operatori sanitari e alle forze dell’ordine, in prima linea nella lotta al coronavirus.

FOLCAST vince il Premio SIAE Roma Videoclip Sezione Nuove Proposte 2021 con “SCOPRITI”, brano prodotto da TOMMASO COLLIVA in finale questa sera nella sezione “Nuove Proposte” del Festival di Sanremo 2021

Il cantautore romano FOLCAST vince il Premio SIAE Roma Videoclip Sezione Nuove 2021 per “Scopriti (Laboratori Testone/Artist First – https://folcast.lnk.to/Scopriti), brano in finale questa sera nella sezione “Nuove Proposte” del Festival di Sanremo 2021.

Il premio, giunto XVIII edizione e ideato e diretto da Francesca Piggianelli, rende omaggio al connubio tra cinema e musica, valorizzando il videoclip come forma espressiva. E proprio in quest’ottica Roma Videoclip ha deciso di premiare Folcast, per il video di “Scopriti”, diretto da Giacomo Citro.

Girato presso l’ex città del rugby di Spinaceto, a Roma, ormai diventata una piccola città fantasma dedicata allo sport, che avrebbe visto la costruzione di due campi da rugby, piscine e altre attività.

Scopriti” è un brano prodotto da Tommaso Colliva e scritto dallo stesso Folcast, che ha composto il brano con Tommaso Colliva e Raffaele Scogna. L’arrangiamento degli archi è a cura di Rodrigo D’Erasmo.

Folcast racconta: «Scopriti è il racconto di una condizione comune e a volte disarmante. Il disagio di chi si è perso nell’immobilità delle stanze vuote interiori e si trova a fare i conti con una solitudine imposta e in parte voluta. Nonostante questo, la volontà è quella di rialzarsi, di uscire e di trovare dentro se stessi la motivazione, con rabbia e consapevolezza. Scopriti è un brano che sfida la stasi e che sprona a sentire tutto nel profondo per poi rinascere, sempre. Concepito al pianoforte, vuole essere prima di tutto crudo, quindi “Scoperto”. Vicino a un ambiente soul che dà spazio a tutti i movimenti dell’anima, si evolve fino a trasformarsi, proponendo un messaggio di forza e rigenerazione».

L’artista dall’11 novembre 2021 sarà in tour nei principali club italiani.
Queste le date:
11 novembre, Circolo Arci Magnolia – MILANO
12 novembre, Spazio 211 – TORINO
19 novembre, New Age – RONCADE (TV)
20 novembre, Locomotiv Club – BOLOGNA
26 novembre, Smav – SANTA MARIA A VICO (CE)
27 novembre, Largo Venue – ROMA

«Da sempre la dimensione del Live è quella che preferisco ed è quella per me più importante – racconta Folcast – Programmare e annunciare dei concerti in un periodo del genere può essere un salto nel vuoto, un rischio, una responsabilità. Ma può anche essere il segnale che tornare a fare musica dal vivo forse è possibile. Mi auguro che gli spazi rimasti chiusi fino ad oggi riescano a riprendere un’attività regolare al più presto. Il sostegno va a loro, ai tecnici, ai musicisti. Entrare a far parte della squadra di OTR, casa di diversi degli artisti italiani che da sempre stimo di più, nonché famiglia composta da persone che fanno il proprio lavoro con rispetto e passione, è per me motivo di felicità oltre che un grande onore».

Le prevendite del tour sono disponibili su www.ticketone.it e su tutti i circuiti ufficiali. Il tour è prodotto e organizzato da OTR.

Folcast (nome d’arte di Daniele Folcarelli) è un cantautore romano classe ’92. Cresce in una famiglia di musicisti divorando qualsiasi tipo di musica. Inizia a suonare da autodidatta pianoforte, basso e batteria, per scegliere poi come compagna di vita la chitarra, che studia fino al conseguimento della laurea al conservatorio Licinio Refice di Frosinone. Fonda il suo progetto artistico nel 2015 sulle basi dell’energia e del groove, creando una miscela tra vari generi: funk, R&B, soul, blues, pop e rock, con accenni al rap. Lo stesso anno pubblica l’EP d’esordio omonimo, seguito nel 2017 dal primo album “Quess” e nei due anni successivi dai singoli “Narcolessia” e “Cafu”. A inizio 2020 inizia il lavoro sul suo secondo album, prodotto da Tommaso Colliva. In estate è l’opening act del live di Daniele Silvestri al Festival Suoni di Marca. A dicembre dello stesso anno è uno dei 6 vincitori di Sanremo Giovani e ottiene l’accesso alla 71^ edizione del Festival di Sanremo nella categoria Nuove Proposte. “Scopriti”, il brano che Folcast porta sul palco dell’Ariston, è scritto e composto da lui stesso. Alla composizione hanno collaborato Tommaso Colliva (già vincitore di un Grammy per il suo lavoro con i Muse e produttore di numerosi artisti, tra cui Diodato e Ghemon), che ha curato anche la produzione artistica, e Raffaele Scogna. L’arrangiamento degli archi è a cura di Rodrigo D’Erasmo.

EXTRALISCIO: da oggi è in radio e in digitale “BIANCA LUCE NERA”, brano in gara al 71° Festival di Sanremo feat. DAVIDE TOFFOLO. Domani esce “È BELLO PERDERSI”, l’album di inediti degli EXTRALISCIO, prodotto da ELISABETTA SGARBI con la sua Betty Wrong

Lo sperimentatore e polistrumentista MIRCO MARIANI, la star del liscio MORENO IL BIONDO e la “Voce di Romagna mia nel mondo” MAURO FERRARA… sono gli EXTRALISCIO, in gara al 71° Festival di Sanremo con il brano “BIANCA LUCE NERA”, feat. DAVIDE TOFFOLO, prodotti da ELISABETTA SGARBI con la sua Betty Wrong Edizioni Musicali.

Motore inesauribile di arte e cultura, fondatrice e Direttrice de La nave di Teseo Editore e del Festival Internazionale La Milanesiana, Presidente dell’Ente di Gestione dei Sacri Monti, Elisabetta Sgarbi con gli Extralisciolancia il liscio nel futuro… la musica che ha fatto ballare intere generazioni incontra le chitarre noise, l’elettronica, il rock, il pop in un’esplosione di suoni, ironia, gioia e libertà!

Il brano “Bianca Luce Nera”, disponibile da oggi, giovedì 4 marzo, in radio e in digitale (https://smi.lnk.to/ebelloperdersi), è stato composto da Mirco Mariani e da lui scritto con Pacifico ed Elisabetta Sgarbi.

È online il video del brano, prodotto e diretto da Elisabetta Sgarbi, con la regia di Bendo, girato all’interno della camera anecoica del Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Ferrara. Nel video compare ancheGilda Mariani, figlia di Mirco!

Con Mirco Mariani, Moreno il Biondo (entrambi fondatori e ideatori del progetto musicale Extraliscio) e Mauro Ferrara, sul palco dell’Ariston è presente anche Davide Toffolo, voce e chitarra dei Tre Allegri Ragazzi Morti, stimato fumettista, personificazione del connubio tra musica indipendente e fumetto con la sua nota maschera a forma di teschio indossata in ogni performance. Davide ha interpretato Bianca Luce Nera” attraverso 16 tavole che sono state raccolte nell’esclusivo fumetto “La canzone disegnata”, in allegato gratuitamente al numero di marzo del mensile LINUS (in edicola da oggi).

Per Extraliscio feat. Davide Toffolo, arrangia “Bianca Luce Nera” e dirige l’Orchestra del Festival di Sanremo il Maestro Roberto Molinelli, personaggio eclettico che attualmente ricopre le cariche di Principal Guest Conductor presso la Russian Philharmonic Orchestra (Mosca) e di Direttore per l’Innovazione dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini.

La prima esibizione, avvenuta ieri sera, ha visto il gruppo accompagnato anche da Massimo Simonini (theremin), da Fiorenzo Tassinari (sax) e dalla performance dei ballerini Elisa Fuchi e Christian Ermeti.

Questa sera, giovedì 4 marzo, interpreteranno “Medley Rosamunda” (composto da “Romagna Mia”, “Casatchok” e “Rosamunda”) ospitando PETER PICHLER, artista di Monaco di Baviera, uno dei pochissimi musicisti al mondo in grado di suonare il Trautonium e di comporre per esso. Si aggiungeranno sul palco anche Enrico Milli (tromba e fisarmonica), Alfredo Nuti (chitarra) e i due ballerini di polka chinata Loris Brini e Antonio Clemente.

Gli Extraliscio e Davide Toffolo indossano sul palco dell’Ariston abiti Dolce & Gabbana

Domani, venerdì 5 marzo, esce “È BELLO PERDERSI (Betty Wrong Edizioni Musicali / Sony Music), l’album di inediti degli Extraliscio, un doppio disco diviso in due parti: “È bello perdersi” e “Si ballerà finché entra la luce dell’alba”

«Dedico questo primo album da editore musicale ai miei genitori, Rina Cavallini e Nino Sgarbi, che hanno ballato» scrive Elisabetta Sgarbi nel booklet dell’album.

Di seguito la tracklist:

Disco 1 “È bello perdersi”  La nave sul monte, La ballerina sinuosa, Capelli blu, Marisa e temporale, È bello perdersi, Valzer d’Africa, Odiarsi, Amarsi come una regina, Ninna nonna nanna e Bianca Luce Nera.

Disco 2 “Si ballerà finché entra la luce dell’alba” – Il ballo della rosa, Mia cara gioventù, Il giocoliere, Milanesiana di riviera, Il ballo e le lucciole in giardino, Maggio mese gentile, Dolore, interludio, Non partir, Primavera notturna Medley Rosamunda.

La prima parte dell’album è stata composta da Mirco Mariani che ha suonato da solo ben 5 strumenti con il suo “Mariani orchestrone”, creato nel periodo di lockdown per mettere in musica le sue intuizioni. I testi delle canzoni sono scritti da lui e da Elisabetta Sgarbi, a cui si è aggiunta la firma di Pacifico nei brani “Ninna nonna nanna” e “Bianca Luce Nera”.

A proposito di quest’ultimo, brano in gara al Festival di Sanremo, Mirco Mariani racconta: «Per scrivere “Bianca Luce Nera” sono partito dalla musica: un ritmo che spinge, il mellotron che detta la sinfonia, il clarinetto in DO che entra con decisione. Il testo è nato grazie al lavoro con Pacifico, amico da anni, grande autore, ed Elisabetta Sgarbi, con la sua profonda sensibilità e cultura. È una canzone sul Desiderio, su quello che accade quando due persone si desiderano, il desiderio fa paura. Mentre lei fugge, lui la insegue; quando lui vorrebbe liberarsene, lei lo riporta a sé come una calamita. È un labirinto in cui ci si perde, per ritrovarsi in una balera dalla luce intermittente».

«Per “Bianca Luce Nera” – dichiara invece Pacifico – ho scritto pensando a un’ossessione amorosa. A un legame disperato e potente. A un inseguimento. A suo modo è una canzone d’amore, argomento principe delle canzoni sanremesi. Ma questo è un amore sbandato, irragionevole. Fa agire solo d’impulso, fa fare cose da pazzi… I due della canzone li ho immaginati che si pretendono e si rifiutano. Si accollano sia la fatica di odiarsi e fare a pezzi, sia quella di cercarsi e ricomporre».

Il secondo disco Si ballerà finché entra la luce dell’alba” alterna brani strumentali e cantati. Comprende l’inedito “Milanesiana di Riviera”, alcune cover del repertorio popolare, il brano “Non partir” che fa parte della colonna sonora dell’ultimo film di Pupi Avati “Lei mi parla ancora” e “Medley Rosamunda” che gli Extraliscio eseguiranno questa sera sul palco dell’Ariston.

L’album esce in digitale, doppio CD e doppio Vinile.

La foto della cover è di Manuel Palmieri, scattata all’interno della camera anecoica del Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Ferrara. Il booklet contiene le dichiarazioni di Sandro Veronesi, Pupi Avati, Ermanno Cavazzoni e Pacifico, che in questi mesi hanno avuto modo di conoscere da vicino il mondo “extra” del gruppo romagnolo.

Il pre-order di “È BELLO PERDERSI” è disponibile al seguente link: https://smi.lnk.to/ebelloperdersi

Gli Extraliscio sono stati i protagonisti del film di Elisabetta Sgarbi “Extraliscio – Punk da Balera. Si ballerà finché entra la luce dell’alba” che è stato presentato in anteprima alle Giornate degli Autori nell’ambito della 77ª Mostra del Cinema di Venezia. Il film ha ricevuto il Premio SIAE per il talento creativo, conferito a Elisabetta Sgarbi, e il Premio FICE (Federazione Italiana dei Cinema d’Essai) a Mantova. È candidato ai Nastri D’Argento 2021. 

Extraliscio – Punk da Balera” viene presentato in questi giorni al Festival Internazionale del Cinema di Berlino, in programma fino al 5 marzo, nella sezione “Market Premiere”, insieme al documentario “Vaccini”, sempre di Elisabetta Sgarbi (entrambi distribuiti da Nexo).

Extraliscio – Punk da Balera” arriverà al cinema distribuito come evento da Nexo Digital nella primavera/estate 2021!

« Articoli meno recenti

© 2022 Max Trip

Tema di Anders NorenSu ↑