Dopo anni di assenza dalle scene musicali ritorna Mauro Gurlino in arte Mao. Dopo i primi 2 singoli, “Nudi alla meta” e “Le cose” pubblicati lo scorso autunno, è il turno del 3° singolo, “Scusa caro vicino”. Scuole chiuse, figli a casa e genitori al lavoro. “Scusa caro vicino” parla di questo, di convivenza, di difficoltà e comprensione, e più di tutto d’amore. Scritta a quattro mani con la scrittrice Enrica Tesio, prodotta dai Tea Boys, “Scusa caro vicino” racconta di un padre che torna a casa dopo una giornata di lavoro e la trova in pieno controllo e potere dei suoi figli impegnati in giochi infernali e rumorosi. Le scuse al vicino saranno d’obbligo. Un altro brano adulto, del cantante e volto della MTV Italia degli anni d’oro insieme ad Andrea Pezzi dietro i fornelli di “Kitchen”, che recupera una dimensione più riflessiva già messa in luce in “Black mokette”, disco di Mao co-prodotto con Morgan nel 2001.


La nuova avventura di Mao nasce dalla collaborazione artistica con Enrica Tesio, copy, curatrice di un blog di grande successo da cui è iniziata la sua brillante carriera di scrittrice, approdata anche al cinema con il film “La verità, vi spiego, sull’amore”. Due torinesi doc che hanno trovato il loro punto di incontro nelle Filastorte d’amore” che Enrica ha fatto uscire lo scorso maggio con Giunti e che Mao ha trovato perfette per trasformarle in canzoni.

Queste “Rime fragili per donne resistenti”, in un mercato stanco che solitamente rifugge la poesia, hanno generato un miracolo: dato vita a un sodalizio, a uno spettacolo − “Gli adulti non esistono” prodotto da Paola Farinetti per Produzioni Fuorivia − e a un disco − “Nove canzoni d’amore” − prodotto dalla stessa squadra di autori e che verrà prossimamente pubblicato dalla Incipit Records e distribuito da EGEA Music.


Il videoclip di “Scusa caro vicino”, per la regia del fotografo e filmmaker Hiram Gellona e girato in piena emergenza Covid-19, è ora disponibile su YouTube (clicca su www.mao.it per accedere direttamente al videoclip).