Autore: admin (Pagina 1 di 13)

SONIKO: da venerdì 29 maggio in radio “ODIO TUTTI”, il singolo nato dalla collaborazione con NUELA!

Da venerdì 29 maggio sarà disponibile in rotazione radiofonica e sulle piattaforme streaming e in digital download “ODIO TUTTI” (Hokuto / Sony Music), il nuovo singolo di NUELA e del giovane cantautore veneto SONIKO (nome d’arte di Niccolò Cervellin).

Il brano è già disponibile in pre-save su Spotify

ODIO TUTTI”, il nuovo singolo di Nuela feat. Soniko, è scritta dai giovanissimi Emanuele Crisanti e Niccolò Cervellin, mentre la musica e il mix sono stati curati da Alessandro Manzo. Il brano, ironico e dal ritmo trascinante, ha un titolo che non ha bisogno di spiegazioni!

«Il mese di giugno sarà fantastico per me, – afferma Soniko – il coronamento di tanto lavoro in questi ultimi anni per arrivare a un pubblico sempre più ampio. Per andare avanti non basta solo fare l’artista, ma essere circondato da professionisti fidati. Quando ci è arrivata la proposta di partecipare al nuovo singolo di Nuela, io e il mio team abbiamo subito accettato con entusiasmo: è uno dei rapper emergenti più originali e particolari di questo periodo! Ma non mi fermerò qui: un’altra collaborazione importante e un nuovo singolo inedito per l’estate saranno i prossimi passi, per cui rimanete aggiornati!».

Niccolò Cervellin, in arte Soniko, è una giovane nuova promessa del panorama musicale italianoClasse 2001, poliedrico artista ed imprenditore di se stesso, ha già all’attivo 4 singoli con ottimo riscontro di streaming e risposta radiofonica: “Kissa”, “Amare l’amore” (con cui vince il Premio Lunezia giovani proposte indetto dalla rivista Cioè nel 2019), “Rum & Reggaeton” e “Alice” l’ultimo brano dedicato alla influencerAlice De Bortoli. A fine 2019 la firma con Hokuto Empire, la società di management di Francesco Facchinetti con cui inizia un percorso discografico che lo porta alla collaborazione con Nuela nel singolo “Odio tutti”. Al momento è al lavoro su nuovi brani di prossima uscita.

Si è concluso ieri sera con grande successo Piano City Milano PRELUDIO 2020!

Si è conclusa ieri sera, domenica 24 maggio, con grande successo di visualizzazioni e di critica PIANO CITY MILANO PRELUDIO 2020, anteprima della 9° edizione del Festival Piano City Milano (posticipata ai prossimi mesi). 

Tre giorni di concerti, in streaming sul sito web (www.pianocitymilano.it) e sulla pagina Facebook di Piano City Milano (www.facebook.com/PianoCityMilano/), con 60 artisti milanesi e internazionali curati dall’associazione di Piano City Milano con il Comune di Milano, Accapiù e Ponderosa Music & Art.

Un programma ricco e articolato, curato da Ricciarda Belgiojoso e Titti Santini, che è stato in grado di soddisfare qualsiasi palato musicale con le note di pianisti e compositori che hanno proposto musiche di ogni genere,da Chilly Gonzales a Ludovico Einaudi, Vinicio Capossela, Rufus Wainwright.

Gli artisti si sono esibiti in collegamento da casa e da alcuni luoghi simbolo della città, come il Museo del Novecento, Museo Poldi Pezzoli, Casa Museo Boschi di Stefano, Castello Sforzesco, Bagni Misteriosi e GAM(Galleria d’Arte Moderna). Tre concerti speciali si sono tenuti in collegamento da Porta Nuova, presso il Volvo Studio Milano. Diventato ormai uno dei luoghi consolidati di Piano City Milano, lo spazio di brand di Volvo a Milano ha dato il proprio contributo alla riuscita dell’iniziativa con esibizioni in diretta streaming che hanno coinvolto gli appassionati di musica e di pianoforte anche attraverso i canali social di Volvo Car Italia.

Piano City Milano Preludio 2020 è riuscita anche a riportare la musica per le strade della città con pianisti in Piano Tandem e Piano Risciò che, per la prima volta dopo il lockdownsi sono esibiti in sicurezza lungo le vie cittadine acclamati con gioia dal pubblico che ha seguito i loro concerti dalle finestre e dai balconi di casa.

Il festival ha inoltre organizzato, nella giornata di sabato 23 maggio, un flash mob dedicato a John Lennon, a ottant’anni dalla sua nascita, che ha coinvolto pianisti e non a suonare al pianoforte o a cantare la canzone “Imagine” dalle finestre per vivere un momento simbolico in questo Piano per la ripartenza.

L’evento ha registrato complessivamente oltre 800mila visualizzazioni, tra sito e Facebook. Sono stati 265mila gli spettatori che hanno seguito la diretta streaming con delle punte di 5mila utenti in contemporanea, diverse migliaia coloro che dai balconi hanno partecipato agli eventi live in strada. 

Le impression del profilo Instagram del festival e della sua IGTV sono state più di 470mila. Il collegamento è stato seguito da oltre 120 nazioni con una percentuale del 26% di pubblico straniero (dati google analytics, youtube analytics, facebook e instagram insights). 

Un grazie particolare va a Hermès, che con la sua Fondation d’Enterprise già dall’edizione 2019 valorizza i talenti degli artisti di Piano City e che oggi, con rinnovata energia, sostiene la musica e il mondo della cultura come motore di ripartenza della società. Il progetto Piano City Milano rientra così in un percorso più̀ ampio di attenzione della maison e della sua Fondazione ai temi di sviluppo sociale, al sostegno della creazione artistica, della formazione e trasmissione di know-how.

I pianisti che hanno partecipato sono: Guido Coppin, Angelo Trabace, Chilly Gonzales, Iris Hond, Davide Boosta Dileo, Gloria Campaner, Rami Khalife, Michael Nyman, Nicolas Horvath, Arturo Stàlteri, Francesco Libetta, Michele Fedrigotti, Giulia Mazzoni, Geoff Westley, Andrea Rebaudengo, Tatiana Larionova e Davide Cabassi, Demian Dorelli, Remo Anzovino, Elpidia Giardina, Gaetano Liguori, Michele Gamba, Eliana Grasso, AyseDeniz Gokcin, Marino Formenti , Vittorio Cosma, Rosey Chan, Joep Beving, Nico Morelli, Sasha Pushkin, Ludovico Einaudi, Alfonso Alberti, Silvia Lomazzi, Gabriele Baldocci, Mario Rusca, Cecilia Ferreri, Silas Bassa, Thomas Umbaca, Ginevra Costantini Negri, Francesco Taskayali , Alessandro Commellato, Giuseppina Torre, Mariano Bellopede, Thollem McDonas, Elisa D’Auria, Roberto Cacciapaglia, Jany McPherson, Enrico Intra, Paolo Jannacci, Hania Rani, Niklas Pashburg, Vinicio Capossela, Rufus Wainwright, Fabrizio Grecchi, Simone Quatrana, Ettore Bove, Fiamma Velo, Noemi Perrone, Pietro Formai.

Inoltre, il programma Piano Sleep con “SatiePandémie” ha coinvolto 124 pianisti da Alvin Curran a Ciro Longobardi ad Anna D’Errico.

Se Piano City Milano è l’appuntamento annuale che coinvolge tutta la città con concerti nei parchi, nei musei e nelle case private, PIANO CITY MILANO PRELUDIO 2020 è stato un evento simbolico che ha invitato i cittadini a continuare a credere nella forza sociale e poetica della loro città. 

Piano City Milano è un progetto di Associazione Piano City Milano con il Comune di Milano, a cura di Ponderosa Music&Art e Accapiù, con la direzione artistica di Ricciarda Belgiojoso e Titti Santini.

Con il sostegno dei partner tecnici Steinway & Sons, Yamaha, Fazioli, Griffa & Figli, Passadori Pianoforti, Bösendorfer, Tagliabue, Tarantino Pianoforti e AIARP e dei media partner Corriere della SeraRadio Monte CarloPiano Solo, Amadeus e Apple Music.

Con la collaborazione di YES MILANO.

Dal 2011 Piano City Milano ha contribuito all’onda di vitalità e alle sperimentazioni urbane e culturali che hanno reso Milano la vibrante metropoli europea che è oggi. Fra i fondatori del festival e dell’Associazione, Daniela Cattaneo Diaz e Titti Santini, che hanno sempre creduto nel progetto e negli anni hanno costruito una rete di partner sostenitori preziosi per la realizzazione dell’iniziativa.

“PARTE DI ME” il singolo d’esordio del cantautore ADDUCI è disponibile sulle piattaforme streaming e in digital download

È disponibile sulle piattaforme streaming e in digital download il singolo d’esordio “Parte di me” del cantautore Adduci, che anticipa l’album di inediti di prossima uscita. Il singolo “Parte di me” (Adesiva Discografica) è stato scritto e composto da Adduci, con la produzione artistica di Lele Battista e Yuri Beretta. Distribuito da The Orchard.

«Siamo tratti in errore perché la voce del nostro pensiero ha sempre lo stesso timbro, quello della nostra voce così come noi la percepiamo – racconta il cantautore Adduci – Ma le parti di noi che compongono il nostro io sono sicuramente molte. Alcune le scegliamo o ci illudiamo di sceglierle, altre le riceviamo passivamente dall’ambiente. Queste parti danno vita all’eterna lotta tra ciò che siamo e ciò che la società vorrebbe fossimo. Scoprire la propria natura, accettare sé e di conseguenza gli altri per come realmente si è, è un gesto rivoluzionario: lunico che può concretamente condurre al raggiungimento della felicità, che è qui a portata di mano, proprio ora, ma solo per chi ha il coraggio di sceglierla. Tutte le canzoni sono damore, anche quando non sembra.»

In “Parte di meAdduci racconta la scoperta di sé, mettendo in luce quegli aspetti dell’io che vengono esiliati nel subconscio e che si finge di non vedere fino a quando non finiscono per prendere il sopravvento. È una canzone d’amore verso se stessi. Il registro grave scelto dal cantautore con piglio da crooner, contrapposto ai ritmi synth pop della base musicale enfatizza gli stati d’animo che il protagonista del brano attraversa in questo processo introspettivo.

Il videoclip del singolo “Parte di me” è prodotto da Insolita film con la regia di Salvatore Strazzanti.

“Ho pensato che fosse curioso assistere alla spettacolarizzazione di uno dei propri momenti peggiori, un momento di assoluta alienazione – spiega il cantautore Adduci – Il fatto stesso che molti mesi siano stati sintetizzati in pochi minuti rende chiaro il concetto che viene qui dipinto. A quanto pare qualsiasi cosa può essere trasformata in un’opera d’arte.”

Adduci comincia da giovanissimo lo studio della chitarra classica. Dedica la sua vita alla musica e trascorre tutta l’adolescenza e la prima età adulta militando in diverse band tra Napoli (città di origine), Bologna (città in cui si è laureato) e Milano (città in cui vive). A seguito dell’incontro a Milano con i produttori Lele Battista (ex La Sintesi) e Yuri Beretta (ex Genialando), nasce il progetto Adduci. Con loro individua una dimensione sonora coerente al taglio cantautorale della sua scrittura e della sua vocalità. Con la pianista Antonietta Ranni ha ideato e portato in giro uno spettacolo piano e voce incentrato sul cantautorato italiano degli anni ’60 dal titolo “Senza fine”. Collabora in veste di chitarrista e produttore a numerosi progetti di amici e colleghi.

Nishikori – In My Name in radio dal 29 maggio

Nishikori  a.k.a. Ivan Russo produttore con alle spalle diversi awards e collaborazioni con artisti internazionali. Attraverso il progetto Nishikori prova ad esplorare i diversi volti della musica elettronica passando da tracce prettamente strumentali ed elaborate fino a quelle con “hook“ decisamente piu’ commerciali.


Nell’ultimo suo singolo  “IN MY NAME “ la sfida è quella di fondere in un’unica entità due mondi all’apparenza opposti: l’indie-folk con l’electro-dance. Il risultato è una traccia molto particolare e dal crossover unico.

ArtistaNishikori
TitoloIn My Name
EtichettaAtollo Electronic Uk
EdizioniAtollorecords
Produttore fonograficoGiovanni Russo
Radio date29/05/2020

Oggi esce “BELLA CHE INCANTA”, singolo tratto dal nuovo album dell’artista argentino DIEGO MORENO

Da oggi, venerdì 22 maggio, è disponibile in digital download e su tutte le piattaforme streaming “BELLA CHE INCANTA” (Intermezzo / The Orchard), secondo singolo tratto dal nuovo album di inediti in uscita in autunno del compositore, cantante e chitarrista argentino (napoletano d’adozione) DIEGO MORENO!

Bella Che incanta” (https://orcd.co/diegomoreno-bellacheincanta), scritta dallo stesso Diego Moreno insieme alla cantautrice Gaia Cipollaro, rappresenta un inno alle bellezze dell’Italia. Una poetica dichiarazione d’amore al nostro Paese dell’artista di origine argentina, trasferitosi ormai da molti anni in Italia. 

Il brano, produzione esecutiva di Roy Tarrant, si caratterizza per un sound armonico impreziosito da un particolare arrangiamento che tende ad una sonorità quasi sinfonica, tra il pop e il classico. L’arrangiamento del singolo è stato curato da Martìn “Tincho” Cabello.

Sempre da oggi, è online su YouTube il video di “Bella che Incanta”, regia di Davide Aronica.  Protagonista del videoclip è lo stesso Diego Moreno che, dall’immagine quasi ipnotica di un quadro dall’intenso colore blu del mare per poi spostarsi alla propria finestra, viaggia con l’immaginazione lungo le bellezze del nostro Paese, che ormai fanno parte della vita dell’artista. Una serie di immagini che ritraggono alcuni dei posti più belli e suggestivi di Italia, iniziano infatti a scorrere lentamente sullo schermo accompagnate dalle sentite ed emozionanti parole del cantautore.

Diego Moreno è conosciuto al pubblico per aver dato vita ad un linguaggio musicale originale e coinvolgente che unisce il ritmo latino del Sud America alla magia della musica napoletana, caratteristica emersa soprattutto nel disco “Tango Scugnizzo” (2008) che si è aggiudicato nel 2014 il Premio Masaniello e nel 2020 il Premio Nicolardi.

Nel corso della sua carriera ha realizzato numerosi progetti musicali ma anche letterali come “La voce del Tango. Il mio Don Carlos Gardel” (edito oggi in Italia da Stampa Alternativa), un libro/CD sulla vita del più grande cantante di tango di tutti i tempi Carlos Gardel. 

Parallelamente alla carriera da solista, Diego Moreno ha collaborato per diversi anni con Fred Bongusto curando gli arrangiamenti di più di 30 dei suoi brani, e ha partecipato alla realizzazione del progetto “Poeta Massimo”, poesie di Massimo Troisi musicate da Enzo Decaro. Nel 2018 ha pubblicato il progetto “Che Bella Idea! Canzoni di BuOngustO”, un viaggio nella melodia italiana d’eccellenza, parte dell’opera di Fred Bongusto, composto da brani che hanno lasciato il segno nell’immaginario collettivo italiano, e non solo, che vanta tra gli ospiti Peppino Di Capri, Fabio Concato, Enzo Gragnaniello, Paolo Fresu, Maria Nazionale, Valentina Stella e Antonio Onorato. Nel 2019 Diego Moreno ha girato l’Italia in tour interpretando come baritono i ruoli di Porteño Gorriòn con sueño, Ladròn Antiguo Mayor e El Payador nell’opera di Astor Piazzolla “Maria De Buenos Aires” insieme aMichele Placido, Alina Di Polito e Vincenzo Bocciarielli. 

Il 3 aprile 2020 ha pubblicato il brano Bella Chao, versione rivisitata in lingua spagnola del celebre canto popolare “Bella Ciao”, primo singolo estratto dal suo prossimo album di inediti in uscita in autunno che, in questo momento di emergenza sanitaria, l’artista ha voluto dedicare «ai nostri “nuovi partigiani”: dottori, infermieri e lavoratori hanno scelto di combattere in prima linea contro un virus invasore».  La versione di Diego Moreno è stata voluta anche da Gad Lerner per il programma online da lui condotto organizzato da Repubblica per festeggiare il 25 aprile.

« Articoli meno recenti

© 2020 Max Trip

Tema di Anders NorenSu ↑